5
(15)

Quando un’impresa non riesce più a gestire né tantomeno a riscuotere uno o più crediti, divenuti inesigibili, derivanti dalla propria attività imprenditoriale può ricorrere alla loro cessione. Ecco perchè la cessione crediti deteriorati conviene alle imprese.

Tempo di lettura: 7 minuti

La cessione dei crediti è uno strumento molto utile per le imprese che hanno in bilancio crediti deteriorati e vogliono liberarsene. Facendo ciò, esse possono essere sollevate dal rischio dell’eventuale insolvenza dei debitori ceduti, beneficiando di maggiore liquidità oltre che di tutta una serie di vantaggi, di natura fiscale e non.

Perchè conviene alle imprese fare la cessione dei crediti deteriorati

Scopriamo in questo articolo cos’è la cessione di crediti deteriorati e, soprattutto, quali sono i vantaggi per un’impresa che ha l’obiettivo di pulire il proprio bilancio aziendale.

Cosa sono i crediti deteriorati

I crediti deteriorati delle imprese derivano da obbligazioni contrattuali precedentemente assunte dai debitori (es. fornitori e clienti) che, a causa di un peggioramento della loro situazione economica e finanziaria, non sono più in grado di adempiere.

Tali crediti, detti anche non performanti (oppure crediti in sofferenza) proprio perché difficilmente riescono ad essere incassati, sono, in gran parte, il risultato dell’eccezionale fase recessiva che ha colpito l’economia italiana negli ultimi anni e dei lunghi tempi delle procedure di recupero dei crediti. Si considerano deteriorati quei crediti scaduti da oltre 90 giorni.

La cessione dei crediti di un’impresa

Le imprese possono ripulire i propri bilanci e liberarsi dei grandi costi che comporta il recupero dei crediti deteriorati semplicemente effettuando una cessione di questi ultimi ad un’altra azienda, in ciò specializzata.

La cessione del credito è un contratto stipulato tra cedente (impresa titolare del credito) e cessionario (azienda specializzata nel recupero crediti), generalmente a titolo oneroso, avente ad oggetto il trasferimento del diritto di credito.

Come accennato nell’introduzione, la cessione dei crediti onerosa avviene, di norma, nella forma pro soluto. Ciò comporta un regime di responsabilità molto favorevole per l’impresa cedente, la quale sarà tenuta a garantire solo l’esistenza del credito ceduto, ma non anche la solvibilità del debitore, essendo sollevata in tal modo da qualsiasi rischio.

Per approfondire: Guida alla Cessione Crediti Commerciali di imprese

Le società che acquistano crediti deteriorati

Non tutte le società possono esercitare l’attività appena descritta, ed infatti bisogna rivolgersi a soggetti specializzati appositamente autorizzati dalla legge: si tratta delle società titolari della licenza ex art. 115 TULPS (Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza) per l’attività di recupero stragiudiziale di crediti. Esse sono richiamate, inoltre, nell’art. 2, comma 2, del D.M. 53/2015, secondo il quale possono acquistare, ai fini di recupero, crediti vantati verso debitori che si trovano in stato di insolvenza, anche se non accertata giudizialmente (cioè con azioni giudiziali di recupero crediti).

I vantaggi della cessione crediti

La cessione dei crediti è un’importante occasione per le imprese poiché garantisce alla società cedente una serie di vantaggi che influiscono sul bilancio aziendale, sul rating e sul rapporto con le banche, sui costi e sull’aspetto fiscale e finanziario dell’azienda.

Più nello specifico, l’impresa cedente otterrà immediatamente un beneficio economico/finanziario, consistente nel corrispettivo economico della cessione crediti che avviene a titolo oneroso; otterrà un bilancio pulito secondo le norme del Codice Civile che impone alle imprese di tenere un bilancio corretto e veritiero in base alla reale situazione patrimoniale e finanziaria della società; otterrà un miglioramento del rating, che permette di instaurare un buon rapporto con le banche, facilitando l’accesso al credito, ai finanziamenti e ai vari servizi finanziari; otterrà una riduzione dei costi di gestione relativi al recupero di crediti inesigibili (a titolo esemplificativo si citano i costi per le spese legali); in ultimo, ma non per importanza, l’impresa otterrà un beneficio fiscale (L. 147/2013) che consiste nella deducibilità fiscale delle perdite su crediti derivanti dalla loro cessione (a seconda della forma giuridica l’impresa può recuperare almeno il 24% delle imposte dei redditi relativi ai crediti ceduti).

A tutto ciò si aggiunga che il Decreto Cura Italia, decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18, ha previsto un ulteriore beneficio finanziario per le società che cedono i propri crediti deteriorati entro il 31 dicembre 2020: si tratta di un credito di imposta sul 20% del valore nominale dei crediti, nella misura del 24% del valore nominale dei crediti ceduti.

Per approfondire: Perché cedere i crediti deteriorati? Ecco 5 Vantaggi della Cessione del Credito

Vuoi cedere i tuoi crediti deteriorati?

La cessione dei crediti è uno strumento utile per le imprese che hanno in bilancio crediti in sofferenza perché permette di ottenere benefici tangibili: bilancio pulito, miglioramento del rating, riduzione dei costi di gestione, vantaggio finanziario e fiscale.

Le società autorizzate ad acquistare crediti inesigibili sono tante ma non tutte sono specializzate nel servizio di cessione crediti.

Per approfondire questo argomento puoi scaricare l’ebook gratuito “Cessione Crediti”.

Avevi già sentito parlare della cessione del credito? Conosci ragioni differenti per cedere i crediti deteriorati di un’impresa?

cessione crediti ebook con frecce

Scarica subito
L’eBOOK GRATUITO

    Quanto è stato utile questo articolo?

    La tua opinione è importante per me!

    avg. rating 5 / 5. Votes 15